SIMBOLOGIA

SIMBOLOGIA e PENSIERO ANALOGICO

Il pensiero analogico, attraverso il linguaggio simbolico, diede vita alle religioni e ai miti, con il suo strumento operativo: il rito.

Il rito permette all’uomo di avvicinarsi alle oscure potenze della creazione e di entrare nella stessa vibrazione delle leggi cosmiche.

ACQUA

 

L’Acqua è un elemento umido (legame) e freddo, incarna lo stato liquido della flessibilità, del rilasciamento della materia e si muove secondo le impressioni che riceve.

 

L’Acqua è la creatrice animata dal raggio del calore, interiorizza, ammorbidisce, mescola, assimila, inibisce, omogeneizza, riempie e dissolve…

 

Essa vince cedendo, cambiando forma, adattandosi alle circostanze, aggirando gli ostacoli che incontra, ma inesorabilmente, dalla sorgente in cui nasce, piano piano giunge al mare, diventando prima torrente e poi fiume in un continuo processo di trasformazione che è la sua vera forza.

 

L’Acqua è fluida e fluente, in costante movimento e cambiamento, a volte lento e quasi impercettibile, a volte veloce e precipitoso. In nessun momento è uguale a se stessa. E’ espansione e profondità, è ricettiva e purificante; terapeutica, portatrice di energie segrete (emozioni, legami …), guaritrice e ispiratrice di vita.

 

L’elemento Acqua è un’energia Yin, come la terra femminile e passiva.

 

L’Acqua non ha sesso. Il suo potere fecondante è quello femminile del grembo e del flusso seminale.

 

L’Acqua rappresenta il femminile per eccellenza. E’ profonda, le sue correnti spesso non si vedono in superficie, la sua vita è nascosta allo sguardo esterno. Il mondo subacqueo è pieno di fascino, di miti e di sorprese. E’ estremamente adattabile, passiva e ricettiva. Scorre sempre verso il basso e prende tutto quello che trova; senza origini si disperde. Porta la vita, la fertilità, nel luogo in cui passa nasce qualcosa. Spesso è imprevedibile, illogica, esplode in una creatività inaspettata. Sue sono l’intuizione, l’istintualità e l’energia sessuale.

 

All’Acqua appartengono le emozioni profonde che scorrono, appaiono in superficie o scompaiono sotto terra secondo le proprie leggi.

 

L’Acqua assomiglia all’Anima dell’essere vivente: è irrequieta e non ha posa, non ha principio, non ha fine. E’ fiume e mare, è dolce e salata, è nemica ed amica, è confine e infinito, è principio e fine.

 

 

Simbologia “negativa”

 

L’Acqua è rappresentata anche come elemento negativo. Spesso nelle antiche leggende l’Acqua è  popolata di misteriose e terribili creature che possono simboleggiare gli strati profondi e inconsapevoli della personalità, l’inconscio.

 

Il mare incuteva paura e rappresentava l’ignoto. Forse per questo, l’acqua si carica anche di un simbolismo che ne fa il confine tra la vita e la morte (il mondo non conosciuto, che incombeva all’orizzonte), tra la creazione e il nulla (la terra e gli abissi inesplorati).

Molte culture antiche pongono l’acqua a separazione del mondo dei vivi da quello dei defunti.

SIRENE e NINFE

In alchimia, la sirena simboleggia il potere dissolvente del mercurio, e una ninfa con due pinne rappresenta il sistema dualistico implicito nei principi originali di sulphur et mercurius in soluzione.

 

in continuo aggiornamento…

I consigli e i suggerimenti che troverete nel sito non vogliono sostituirsi in alcun modo al parere del medico curante

 Bibliografia 

ARTICOLI CORRELATI

BLOG

error: Content is protected !!