INFIAMMAZIONE: perché scegliere antinfiammatori naturali

L’infiammazione  (o flogosi) è un meccanismo di difesa, una risposta protettiva. Un insieme di eventi a carattere reattivo, che avviene nei tessuti quando essi vengono a contatto con agenti lesivi di natura fisica (traumi, basse o alte temperature, radiazioni), chimica (tossine, veleni) e biologica (agenti infettanti).

Questo processo fisiopatologico ha il compito di neutralizzare l’agente lesivo o di delimitare la lesione da esso prodotta, nonché avviare il processo riparativo.

 

I danni dei farmaci antidolorifici

L’antinfiammatorio di sintesi (FANS) è più immediato come effetto, ma la sua azione dura solo qualche ora. Le piante, antinfiammatori naturali, sono forse più lente nell’esplicare il loro beneficio, ma certamente i loro effetti sono più  duraturi. Considerando inoltre il fatto che si possono assumere per periodi più lunghi, hanno controindicazioni limitate e non sono gastrolesivi. Inoltre l’azione del fitocomplesso della pianta è diverso da quello del singolo principio attivo.

Gli antinfiammatori sono i farmaci più usati come antidolorifici e rappresentano il “pronto soccorso” casalingo.

Dobbiamo fare attenzione: questi farmaci se assunti frequentemente, in dosi massicce e con leggerezza, possono avere gravi effetticollaterali e mettono a rischio la salute del nostro organismo.

 

I “corticosteroidi”, tra cui il cortisone, utilizzati come analgesici, provocano ipersecreazione acida e aumentano il rischio di ulcera duodenale.

I farmaci antinfiammatori non steroidei (chiamati FANS) possono scatenare disturbi digestivi, ledono la mucosa dello stomaco, causando bruciori e difficoltà digestive, ulcere e microemorragie, affaticamento di reni e fegato (costretti ad un surplus di lavoro per smaltire le tossine dei farmaci), stipsi, gonfiore e alterazioni della coagulazione del sangue.

Soprattutto nei disturbi cronici non è consigliabile l’utilizzo sbrigativo di farmaci chimici. Cerchiamo piuttosto di farci consigliare le sostanze naturali capaci di alleviare il dolore, la giusta dieta e lo stile di vita, che possano aiutarci ad alleviare e prevenire i dolori ricorrenti.

 

 

 


Se ossa e articolazioni si infiammano, il corpo si indebolisce e le difese sono meno attive


Le ossa e le articolazioni sono messe a dura prova dal clima freddo e umido e dai malesseri invernali.

Il freddo e l’umidità possono contribuire a provocare contratture muscolari dolorose, spesso favorite da posture scorrette. Questo stato infiammatorio, se protratto nel tempo, impegna il sistema immunitario su troppi fronti, rendendo l’organismo vulnerabile ai malanni di stagione.

Se già normalmente si soffre di cervicalgia e reumatismi, con gli sbalzi climatici, i sintomi tendono a peggiorare.

 

Perché proteggere le ossa nei mesi freddi

I rami degli alberi sono privi di foglie, appaiono come scheletri “esposti” all’aggressione del freddo umido e della bassa pressione, proprio come avviene alle nostre ossa: la riduzione delle temperature e della pressione atmosferica influiscono negativamente sulle articolazioni rendendole più esposte a contratture e infiammazioni.

In questa stagione gli impegni diurni stressanti obbligano lo scheletro a “sostenere” un peso maggiore e nel momento di stacco serale, in cui allentiamo le tensioni, abbiamo la sensazione che le nostre ossa non ci sorreggano.

Le ossa sono un punto d’appoggio, di sostegno e si chiede loro ancora più energia, impedendo quel processo di risparmio e concentrazione di cui ha bisogno ora l’organismo.

Così come la Natura, anche il nostro corpo ci accompagna nella fase di riposo, che non è un’autorizzazione ad impigrirsi …  impariamo a dosare meglio le nostre energie, distribuendole più armoniosamente nell’arco della giornata, concediamoci qualche massaggio che riscaldi le articolazioni e rafforziamo l’organismo con integratori e alimenti ricchi di sostanze protettive che tengano lontane infiammazioni e tensioni.

 

 


I rimedi naturali per le ossa:


L’Arnica ha proprietà antinfiammatorie, antireumatiche e antinevralgiche.

Prodotti che contengono Arnica Montana


Particolarmente attivo soprattutto nelle situazioni che causano dolore e infiammazione, come tendiniti, osteoatrite, artrite reumatoide, artrite, artrosi, mal di schiena, sciatica,  mal di testa, cervicale, contusioni. Le radici secondarie di questa pianta contengono gli harpagosidi, ritenuti responsabili degli effetti analgesici e antinfiammatori sul sistema osteo-articolare.

 

Prodotti che contengono l’Artiglio del diavolo

Fitoterapici ed Integratori:

VAI allo SHOP >


In alternativa ad ARPAGODOL:

Tintura spagyrica Gocce: Favorisce la  buona funzionalità articolare e muscolare.

VAI allo SHOP >

 

Cosmetici e pomate che contengono Artiglio del Diavolo:

VAI allo SHOP >


VAI allo SHOP >


  • ALGIPLUS  crema Biogrup (antidolorifico, antinfiammatorio)

 

 


Per rafforzare le difese e prevenire i dolori articolari:


Ribes Nigrum: potente antinfiammatorio naturale

Rosa Canina: fonte naturale di Vitamina C  e potente antiossidante

All’arrivo dei primi freddi, gli oligoelementi protettivi, per dolori osteoarticolari, reumatismi e cervicalgia:

A giorni alterni: Manganese Cobalto, per prevenire e ridurre le contratture muscolari; Rame-Oro-Argento per la loro azione antinfiammatoria generale (soprattutto nella fase acuta).

 

 

 


Stati infiammatori


Si consiglia il test con cartine tornasole. In caso di ACIDOSI si consiglia:

BASEMIX Alcalinizzante

Favorisce il ripristino e il mantenimento dell’equilibrio acido-basico in caso di acidosi tissutale acuta e cronica dell’organismo. – Adulti: Una bustina da 5 g di polvere sciolta in un bicchiere d’acqua, a digiuno, la sera, prima di andare a letto. In caso di forte stato acidosico la dose può raggiungere tre bustine nell’arco della giornata.

 

 


Depuriamo e rinforziamo l’organismo per allontanare le affezioni dolorose


I cibi d’origine animale (come carne, insaccati, latticini) hanno un maggiore contenuto di sostanze che favoriscono la formazione di radicali liberi e infiammazioni.

Il sovrappeso, inoltre, associato a disturbi digestivi, aumentano il rischio di problemi osteoarticolari. Se lo stomaco digerisce male e l’intestino è pigro, il corpo si intasa di scorie che favoriscono gli stati infiammatori e dolorosi.

In Luna calante è necessario depurare periodicamente l’organismo, con drenanti specifici, per pulire gli organi emuntori dalle tossine e rafforzare il sistema immunitario. Una dieta ricca di minerali e vitamine, alza le nostre difese e protegge ossa e tessuto nervoso.

 

 


Massaggio analgesico


Oltre al massaggio con una pomata a base di Arnica, può essere d’aiuto un bagno con 3/4 gocce di olio essenziale di Chiodi di Garofano sciolto in una manciata di sale grosso (preferibilmente integrale o rosa), o in un cucchiaio di miele: versare nell’acqua calda e immergersi per 15 minuti prima di andare a dormire.

Per infiammazioni minori

FIVE FLOWER 5 FIORI – Five Flowers Crema Rescue Remedy– Fiori di Bach. La crema Five Flower è un “rimedio di emergenza” può essere utilizzato direttamente sulla pelle per tutto quello che, turba o disintegra il nostro sistema energetico.

Utile per trattare eczemi, herpes, eritemi, punture d’insetti, graffi o abrasioni, contusioni, ematomi, emorroidi o infiammazioni minori. Distende e rilassa la tensione della muscolatura. La pomata viene assorbita dalla cute attraverso un leggero massaggio.

 

 


Per rendere il bagno ancora più efficace: lo scrub speziato


In un sacchettino di garza mettere una ventina di Chiodi di Garofano, immergerlo nell’acqua calda della vasca e massaggiarlo sulle zone doloranti,. Svolge un’azione analgesica e allevia l’indolenzimento.

 

 


Lo stress: ecco perché nasce l’infiammazione


Oltre al clima freddo e umido, un ruolo importante nell’insorgenza  dei dolori articolari è svolto anche da altri fattori associati a condizioni di stress, sovraffaticamento e superlavoro. Le infiammazioni insorgono quindi anche a causa di uno stile di vita stressogeno e di un accumulo di tossine che si depositano su ossa e muscoli.

Il dolore è un “messaggio” con cui la Natura ci avverte che stiamo impegnando l’energia in modo inappropriato e il nostro corpo ci invita a fermarci per incanalarla là dove serve. Il dolore ci costringe ad una pausa ed a un approccio più elastico nei confronti degli impegni quotidiani.

 

 

 


Fate attenzione alle posture inappropriate


Molti dolori di collo, spalle e schiena nascono dalla tendenza a tenere posture scorrette che bloccano la colonna vertebrale. Mantenere per lungo tempo il corpo in una posizione svantaggiosa, come per esempio stare seduti con il collo inclinato in avanti, può favorire la comparsa di tensioni muscolari dolorose.

Le posizioni scorrette provocano inoltre invecchiamento precoce e accentuano gli inestetismi, quali cellulite, pancetta, doppio mento, seno cadente, perché facilitano il cedimento delle strutture di sostegno.

Possono causare altresì problemi a carico della mandibola o dei denti.

Una postura rigida riflette un’eccessiva severità mentale, mentre articolazioni fluide rappresentano un approccio più elastico alla vita quotidiana.

 

 


Infiammazione dell’apparato gastrointestinale


Infiammazione dell’apparato gastroenterico, gastrite, esofagite, disfunzione epato-biliare, sensazione di pienezza di stomaco.

Si consiglia il test con cartine tornasole. In caso di ACIDOSI si consiglia:

Favorisce il ripristino e il mantenimento dell’equilibrio acido-basico in caso di acidosi tissutale acuta e cronica dell’organismo. – Adulti: Una bustina da 5 g di polvere sciolta in un bicchiere d’acqua, a digiuno, la sera, prima di andare a letto. In caso di forte stato acidosico la dose può raggiungere tre bustine nell’arco della giornata.

 

 


Infiammazione delle mucose digestive e dell’apparato respiratorio


Possiede proprietà antiflogistiche sulle mucose digestive e stimola la corteccia surrenale. Ha una rilevante azione antiflogistica sulle mucose in generale, ma soprattutto quelle dell’apparato respiratorio. l’utilizzo è elettivo nelle sinusiti, faringolaringiti, tracheobronchiti, broncopatie acute e croniche.


L’Avena ha proprietà nutritive, ha anche virtù medicinali empiriche popolari che le ha sfruttate per guarire malanni come le enteriti, le coliti, l’infiammazione delle vie respiratorie; contiene vitamine del gruppo B (B1, B2, B6).

I semi di AVENA contengono Acido Gamma Linoleico un lipide appartenente al gruppo degli acidi grassi essenziali Omega 6, integratore alimentare per il trattamento di colesterolo, infiammazioni e malattie autoimmuni.

Favorisce la fisiologica azione di sostegno e ricostituente. Utile in convalescenza, allattamento e in caso di inappetenza.

VAI allo SHOP >

 

 


Stimola le difese organiche

VAI allo SHOP >

 


  • MALVA SELVATICA

La pianta è ricca di mucillagini che esercitano un’azione lenitiva ed emolliente delle mucose infiammate. Viene, di solito, utilizzata per lenire con impacchi e lavaggi le irritazioni dovute ad agenti atmosferici, scottature  o manifestazioni eruttive dei bambini. La particolare attività antinfiammatoria, astringente e vaso protettrice classifica la pianta come ottimo antiemorroidario e cicatrizzante nelle ulcere. Possiede anche azione lievemente lassativa.

Prodotti che contengono la Malva:

MALVA  composta Forza Vitale (Utile per favorire il fisiologico benessere delle basse vie respiratorie).

VAI allo SHOP >

 

 


Infiammazione dell’apparato respiratorio, urogenitale ed intestinale


VAI allo SHOP >

 

 


Altre PIANTE con azione ANTINFIAMMATORIA


I semi di AVENA contengono Acido Gamma Linoleico un lipide appartenente al gruppo degli acidi grassi essenziali Omega 6, integratore alimentare per il trattamento di colesterolo, infiammazioni e malattie autoimmuni.

 

 


CURIOSITÀ


L’acido salicilico potente antinfiammatorio naturale prodotto dal nostro organismo

Alcuni scienziati inglesi hanno dimostrato che l’organismo umano produce da solo e spontaneamente l’acido salicilico, il principio attivo dell’aspirina e potente antinfiammatorio. Questa molecola così preziosa è presente anche nel sangue di persone che non l’hanno mai usata e mai assunta in compresse.

L’acido salicilico nei vegetariani è prodotto in quantità maggiori, quasi le stesse dosi di quei pazienti che assumono l’aspirina frequentemente per i disturbi della circolazione.
L’aspirina prodotta naturalmente dal corpo umano non ha gli effetti collaterali del farmaco, come emorragie gastriche, ulcera o disturbi causati da un sangue troppo fluido. L’acido salicilico prodotto spontaneamente dai nostri tessuti, è immerso in un sistema di bioregolazione che ne evita gli effetti tossici.

L’eccesso di grassi animali, di tossine alcoliche, stress, scarsa assunzione di prodotti biologici, inibisce la produzione di antinfiammatori naturali.

Combattere le infiammazioni del nostro organismo, significa proteggersi da malattie degenerative, cancro compreso.

 

in continuo aggiornamento…

I consigli e i suggerimenti che troverete nel sito non vogliono sostituirsi in alcun modo al parere del medico curante

 Bibliografia 

 

error: Content is protected !!